Loading...

KOGI

Il popolo Kogi è uno dei quattro che abitano la Sierra Nevada di Santa Marta situata all'estremità settentrionale delle Ande Colombiane. Insieme agli Arhuaco, i Wiwa e ai Kankuamo, i Kogi, formano una popolazione di circa 30.000 individui. Considerano il Massiccio dove vivono il centro del mondo, circondato da una "linea nera" immaginaria che demarca i siti sacri e i loro antenati.

Si rivolgono agli uomini della Terra con l'appellativo di "fratelli minori" attribuendogli la responsabilità di mantenere l'equilibrio terrestre. Il verificarsi di uragani, carestie e siccità è segno dell' incapacità di costoro di mantenere l'armonia. Portando offerte ai siti sacri è possibile però restituire alla terra ciò che le è stato tolto, quindi ripristinare l'equilibrio.

 

Salè era un Mamo (leader spirituale)

con il compito di mantenere l'ordine naturale del mondo attraverso canti, meditazioni, offerte rituali e cerimonie. Nella cultura occidentale sarebbe allo stesso tempo un sacerdote, un insegnante e un medico. La sua formazione è  cominciata da giovane ed è durata per 18 anni, in alto sulla montagna dove ha imparato a meditare sul mondo naturale e spirituale.

 

Ora non è più un Mamo. Ha infranto molte regole della sua comunità a causa dell'alcool di cui  rimase vittima con l'arrivo di piccoli resort sul mare e  via via lo sviluppo delle zone commerciali ai piedi delle montagne. Vive con la sua famiglia in una piccola casa nel pueblito di Rio Ancho dove, in condizioni spartane trascorre le sue giornate su un amaca con l'inseparabile borsa colma di foglie di coca e con in mano il suo Poporo. ( zucca svuotata e ripiena di conchiglie frantumate  che mescolate alle foglie di coca masticate ne stimola i principi attivi aumentandone l'effetto).

Per il resto della giornata Salè vaga per le spiagge elemosinando pesos. Maria tesse borse. Impiega circa una settimana intera per farne una da vendere ai negozi della via principale. Salè e la sua famiglia mangiano quasi esclusivamente mango e festeggiano quando ne cade uno dal grande albero del piazzale.

Non so che legame avessero con gli altri due kogi della famiglia. Quando gli ho chiesto quanti anni avessero mi hanno risposto che non lo sapevano. Nessuno dei quattro conosceva la propria età

Back to Work

SITE BY DU2DESIGN.COM

WORK

- DROMEDARY MARKET -

- PORTRAITS -

EGITTO

©ROBERTO MASTROCINQUE 2019